Uncinetto e cucito creativo ad arte

Mi chiamo Elisa e da anni pensavo di aprire un blog per condividere la mia esperienza con chi ha le mie stesse passioni: il cucito e l’uncinetto. Ora che ho intrapreso questa avventura, vi confesso che sono un po’ emozionata.

Non sono una sarta o una professionista, ma semplicemente un’autodidatta, quindi i miei post non vogliono essere delle lezioni, ma piuttosto degli appunti in corso d’opera per fissare quello che negli anni ho imparato e sto imparando.

Filartelì mi dà l’occasione di mettere in rete le mie conoscenze in modo che possano essere arricchite e stimolate dalle vostre e viceversa. Ho infatti intitolato le due principali rubriche “laboratorio” proprio perché punto ad un continuo scambio, come se fossimo attorno allo stesso tavolo da lavoro.

Ho voluto dare spazio anche alla prospettiva ecologica, perché credo che il rispetto dell’ambiente e la lotta contro lo spreco possano essere applicati ad ogni attività, anche a quella creativa. Inoltre non vi pare che ci sia un pizzico di sfida e di divertimento in più a creare qualcosa di utile da ciò che era destinato alla spazzatura?

E per me il divertimento continua anche quando sono in viaggio! Quando visito i musei o le gallerie d’arte, mi aggiro fra le teche e i quadri appesi seguendo le tracce che testimoniano la lunga storia e l’evoluzione del lavoro fatto a mano. Può trattarsi di un ago egizio, un cestino da lavoro del ‘700 o di un quadro che ritrae una donna che cuce, ma è sempre una scoperta entusiasmante.

Se vi ho incuriositi, divertitevi anche voi a frugare fra le pagine di Filartelì!

Buona lettura!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *