Museo di storia di Madrid

Al museo di storia di Madrid

Nei miei viaggio in giro per il mondo, quando entro in un museo, sono sempre alla ricerca di quadri o opere in generale che riguardino i lavori femminili. Per me è come una caccia al tesoro che voglio condividere con voi, perché alle volte si trovano delle cose davvero inaspettate. Per questo apro anche questa rubrica dedicata a chi ha voluto nobilitare e documentare la creatività manuale.

Voglio partire dal Museo di storia a Madrid, dove ho scoperto delle autentiche chicche dedicale al cucito. Entrata infatti, con l’idea di trovare la documentazione dell’evoluzione della città nei secoli, scopro invece in una teca questo prezioso “cestino” da cucito della fine del Seicento.

La foto, a causa del riflesso, non rende la ricchezza di questo oggetto finemente intagliato e decorato con guscio di tartaruga e madreperla. Nei due ovali ai lati, sono ritratti Maria Anna di Neuburg e Carlo II. Più che una scatola da lavoro sembra quasi un porta gioie. Fortunata la proprietaria dell’epoca!

Sempre nello stesso museo mi sono imbattuta anche in due deliziose macchine da cucire in miniatura di inizio Novecento. Si tratta di una macchina giocattolo.

E di una macchina portatile a marca Singer.

Per la serie, una sarta serve sempre, anche in viaggio, come ben illustra la vignetta di Daniel Cuello.

Ma per passare dalla produzione casalinga a quella industriale, questa stampa documenta il lavoro sartoriale a livello industriale sempre a inizio Novecento. Si tratta di un laboratorio di confezione di cravatte, camicie, ventagli, ombrelli ecc.

Che dire? Il giro in questo museo mi è piaciuto molto, nonostante le diverse aspettative. Se vi piace andare per musei, divertitevi anche voi in questa caccia al tesoro, che spesso rivela curiose risorse nei posti più inaspettati.

Avete fatto delle scoperte in giro per il mondo? Se vi va, condividetele qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *