Mici da calzini spaiati

Riciclo creativo: simpatici mici nascono dai calzini spaiati

Il 17 febbraio si festeggia la giornata mondiale del gatto e non posso non dedicare un po’ di spazio a queste fantastiche e misteriose creature che ci fanno compagnia, ma che sono anche molto indipendenti. Non nascondo che sono un’amante dei gatti e se potessi ne adotterei subito uno. Gli studi scientifici sostengono che i padroni di gatti siano mediamente più introversi rispetto a quelli che scelgono il cane come animale domestico, ma anche più aperti mentalmente e più sensibili. Secondo me chi ama i felini è un amante dell’eleganza, che impronta sia la loro forma che i loro movimenti sinuosi. Forse è per questo che disegnare o rendere in modo tridimensionale i tratti caratteristici di un gatto è sempre molto difficile.

La sfida di oggi quindi si presenta ancora più ardua perché voglio proporre la realizzazione di piccoli peluches felini partendo da calzini o calze spaiate. Quante volte ci capita di non poter più ricomporre la coppia di calzini perché uno si è perso chissà dove? E che fare di quello rimasto? Buttarlo non se ne parla nemmeno! Rimaniamo fedeli alla filosofia green delle 3R: riduci, riusa, ricicla. Se si tratta di un modello in lana si può usare per pulire le scarpe e lustrarle con la crema. Ma perché non sfruttare il calzino single per un progetto più creativo per esempio per realizzare uno di questi due mici morbidosi? I più piccoli li adoreranno come giocattoli, i più grandi possono usarli come simpatici portachiavi aggiungendo una piccola asola.

Ho scelto due modelli diversi: uno sdraiato e l’altro tipo pusheen.

Occorrente

  • calzini spaiati
  • forbici
  • ago e filo
  • imbottitura
  • pennarello nero indelebile

Per il primo micio

  • 3 perline: 2 grandi e una piccola per gli occhi e il naso
  • nastro con campanellino (facoltativo)

Per il secondo micio

  • un pezzo di feltro nero
  • colla (facoltativa)

 

Gatto sdraiato

Il primo modello l’ho trovato su usefuldiy.com che presenta oltre alle foto dei vari passaggi anche il link al video tutorial. In questo caso servono due calzini, uno per la testa e uno per il corpo. Nel video sono dello stesso modello, ma nulla vieta di usarne due spaiati di colori abbinabili. Con qualche cucitura a mano e qualche taglio nel punto giusto si ottiene un simpatico micio sdraiato, vediamo come.

Rivoltare il primo calzino sul rovescio e disegnare le quattro zampe con il pennarello nero in modo che l’insenatura per il tallone sia in mezzo. Lasciar asciugare il pennarello, altrimenti le dita si tingeranno di nero, come è successo a me. Cucire lungo le linee tratteggiate e tagliare le eccedenze di stoffa. Praticare un piccolo taglio alla base di quello che sarà il collo e rivoltare su dritto. Inserire l’imbottitura, creando un rigonfiamento in corrispondenza del tallone. Chiudere con una cucitura invisibile il foro usato per inserire l’imbottitura. Otteniamo così il corpo del micio.

Corpo micio da calzini spaiati

Rivoltare il secondo calzino sul rovescio e disegnare le orecchie in corrispondenza della punta del piede. Come prima, lasciar asciugare il pennarello, cucire lungo la linea tratteggiata, tagliare l’eccedenza di stoffa e poi praticare un taglio poco prima dell’insenatura del tallone. Rivoltare sul dritto, inserire l’imbottitura in modo da dare forma alla testa e poi chiudere con una cucitura. Per completare la testa, segnare con un puntino la posizione per gli occhi e il naso e attaccare le due perline più grandi in corrispondenza dei primi e quella più piccola in corrispondenza del secondo.

Con la parte rimanente del secondo calzino, sempre sul rovescio, disegnare in corrispondenza della curva del tallone la coda. Lasciar asciugare, cucire lungo la linea, tagliare le eccedenze, rivoltare sul dritto, inserire l’imbottitura. Ora bisogna cucire la testa e la coda al corpo del micio. Per aggiungere un tocco in più, si può legare attorno al collo un nastrino con un campanellino. E voilà il primo micio morbidoso è pronto!

Micio da calzini spaiati

 

Pusheen

Con un unico calzino invece si realizza questa simpatica pusheen. Si tratta della gatta domestica creata dalla fantasia di Claire Belton and Andrew Duff per un fumetto. Il video tutorial che si trova su mycrafts.com, suggerisce dei calzini pastello in spugna morbida. Il procedimento è molto simile al precedente: si rivolta il calzino sul rovescio, si delineano le orecchie del gatto, si cuce lungo la linea, si taglia l’eccedenza, si rivolta sul dritto e si imbottisce. Una volta ottenuta la forma del pusheen, si chiude l’apertura con una cucitura. Con la parte rimanente del calzino si taglia una striscia di stoffa, la si piega a metà e si esegue una cucitura lungo tutto il bordo. In questo modo si realizza la coda. Io ho usato la cucitura invisibile e poi, senza tagliare il filo, ho fissato la coda al corpo, dandole una forma leggermente piegata.

Corpo del micio da calzini spaiati

Si passa poi alle applicazioni delle strisce sulla schiena, delle zampe e degli elementi del musetto tagliati dal feltro nero, secondo un modello di carta o, come ho fatto io, a occhio. Nel video in alcuni punti si usa la colla per fissare i vari elementi, io ho preferito cucire tutto con qualche punto. Rispetto al progetto originale ho omesso le zampe posteriori e il cuore e il risultato finale è questo.

Micio da calzini spaiati

Il colore originale del pusheen è grigio, ma nulla vieta di sbizzarrirsi con i colori come suggerito nel video tutorial.

Siete pronti a riempire la casa di mici morbidosi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *